Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Sottomissione – M. Houellebecq

“Pertanto, un libro che amiamo è soprattutto un libro di cui amiamo l’autore, che abbiamo voglia di ritrovare, con il quale abbiamo voglia di passare le nostre giornate.”

“Ma questo bastava a giustificare una vita? E in virtù di cosa una vita ha bisogno di essere giustificata?”

“Curiosamente, i paesi occidentali erano molto fieri di questo sistema elettorale, che tuttavia era poco più che una spartizione del potere tra due gang rivali, a volte arrivavano addirittura a scatenare guerre allo scopo di imporlo ai paesi che non condividevano il loro entusiasmo.”

“E’ strano quanto si rimanga vicino agli autori cui ci si è dedicati all’inizio della propria vita.”

“Tacqui metodicamente; quando si tace metodicamente fissandole negli occhi, dando loro l’impressione di bere le loro parole, le persone parlano. Amano che le si ascolti, come tutti gli inquirenti sanno; gli inquirenti, gli scrittori, le spie.”

“La baciai dolcemente sulle labbra prima di rispondere: Per me non c’è Israele”

“Mi rendevo tuttavia conto, e ormai da anni, che lo scarto crescente, divenuto abissale, tra la popolazione e chi parlava in suo nome, politici e giornalisti, era destinato a portare a qualcosa di caotico, violento e imprevedibile.”

“Non è così facile far stare una vita in trenta chili di bagaglio.”

“E’ molto difficile capire gli altri, sapere cosa si nasconda in fondo al loro cuore, e forse senza l’aiuto dell’alcol sarebbe del tutto impossibile.”

“Era una di quelle persone – non numerose, invero – che godono a priori della felicità dei loro simili, in poche parole era quello che si dice un brav’uomo”

“E’ la sottomissione, l’idea sconvolgente e semplice, mai espressa con tanta forza prima di allora, che il culmine della felicità umana consista nella sottomissione più assoluta.”

“La nostalgia non è un sentimento estetico, e non è neanche legata al ricordo di una felicità, si ha nostalgia di un luogo per il semplice fatto di averci vissuto, poco importa se bene o male, il passato è sempre bello, e in effetti anche il futuro, a far male è solo il presente, che portiamo con noi come un ascesso di sofferenza che ci accompagna tra due infiniti di quieta felicità.”

“Era lui, Rediger, il primo a riconoscere che la cristianità medievale era stata una grande civiltà, i cui risultati artistici sarebbero rimasti eternamente vivi nella memoria degli uomini; ma a poco a poco aveva perso terreno, aveva dovuto venire a patti con il razionalismo, rinunciare ad annettersi il potere temporale, finendo per condannarsi all’insignificanza, e questo perché?”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: