Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Sexus – H. Miller

“Quando la vidi la prima volta, nella sala da ballo, doveva essere un giovedi sera. mi presentai al lavoro la mattina seguente, dopo un’ora o due di sonno, con l’aspetto di un sonnambulo. La giornata trascorse come un sogno”

“Mi avvicinavo ormai ai trentatre anni, l’età di Cristo crocifisso. Tutta una nuova vita si prospettava dinanzi a me, se soltanto avessi avuto il coraggio di rischiare ogni cosa. Ma in realtà non c’era niente da rischiare: mi trovavo sul gradino più basso della scala, ero un fallito in ogni accezione del termine.”

“Era un sabato mattina, e per me il sabato è sempre stato il giorno più bello della settimana: mi sento riemergere alla vita quando gli altri crollano per la stanchezza.”

“Arrendersi nel modo più assoluto e incondizionato alla donna che si ama significa spezzare ogni legame tranne il desiderio di non perderla, ed è quello il legame più terribile di ogni altro.”

“Mentre osservavo con uno sguardo vacuo la riva opposta, i miei pensieri vagavano senza posa, simili a una nave senza timone.”

“Tutto sta procedendo alla cieca, come vuole la regola, e nessuno sta arrivando in qualche posto.”

“Ovunque si trovi, io rimando in una tenebra completa: l’assenza di lei mi cancella.”

“Credo perchè non credere significa diventare come piombo, giacere prono e rigido, inerte per sempre, a marcire…”

“L’uomo più casalingo, l’uomo più debole, l’uomo più immeritevole deve trionfare se è disposto a dare l’ultima goccia del suo sangue. Nessuna donna può resistere contro il dono dell’amore assoluto.”

“Scrivere, meditai, deve essere un atto privo di volontà. la parola, come una corrente profonda dell’oceano, deve emergere alla superficie per un proprio impulso.”

“Osservando il crescere di un libro sotto le proprie mani, l’autore si gonfia di illusioni di grandezza!”

“Il più bell’aspetto dello scrivere non consiste nella fatica materiale di accostare parola a parola, di porre mattone su mattone, ma nei preliminari, nel lavoro preparatorio, che si svolge in silenzio, in ogni circostanza, tanto nel sogno quanto nello stato di veglia. in breve, nel periodo di gestazione.”

“Ogni giorno massacriamo i nostri impusi più belli”

“Essere felice significa impazzire in un mondo di malinconici spettri.”

“Le donne, anche quando vengono a essere mentalmente soggiogate, sono sempre padrone della situazione. La donna può essere asservita sessualmente, e, ciò nonostante, sarà ancora lei a dominare l’uomo.”

“Non avevo la più vaga idea di cosa stessi parlando. Nè dovevo servirmi del cervello…infilavo, semplicemente, la mia lingua da serpente in una cornucopia e con uno slancio appropriato la srotolavo.”

“E’ forse possibile continuare ad essere innamorati in eterno di persone o di cose?”

“Non esiste anima viva al mondo sulla quale si possa fare conto in modo assoluto”

“L’uomo che chiede un prestito è sempre un colpevole, sempre un ladro potenziale.

“Chiedere un prestito è qualcosa di positivo, concederlo qualcosa di negativo”

“Esiste un solo modo per ricambiare le cortesie, e consiste nell’essere cortesi a nostra volta con coloro che si rivolgono a noi.”

“Questa volta hai trovato una vera donna, e una vera donna, caro il mio signor Miller, si aspetta qualcosa dall’uomo…non soltanto parole e gesti.”

“Gli voltai le spalle e andai alla finestra. Era un tipico scenario di cortili del Bronx: steccati di legno, paletti e corde per appendere i panni, praticelli rognosi, caseggiati popolari in serie, scale antincendio, eccetera. Sagome andavano e venivano davanti alle finestre, vestite in tutti i modi. Si stavano accingendo a rientrare in casa per prepararsi all’insignificante monotnia del domani. uno su centomila avrebbero potuto sottrarsi alla condanna generale; in quanto agli altri, sarebbe stato un atto di misericordia se qualcuno fosse venuto nella notte a tagliar loro la gola mentre dormivano. Credere che quelle misere vittime avessero in se la capacità di creare un mondo nuovo era pura follia.”

“Il pensiero dell’eroe moderno, infatti, non approda a nulla; il suo cervello è un recipiente dove egli lava le verdure bagnate della mente”

“Lei andrà su e giù tra le braccia di qualcun altro, si perderà in un cieco coito, nitrirà, esploderà, si accovaccerà e si affloscerà…ma non con me. Io ho fatto il mio dovere, ho celebrato con lei gli ultimi riti.”

“Ero scivolato in uno stato di indifferenza nato dalla disperazione. Mi lasciavo andare alla deriva con la corrente. E, come sempre succede quando ci si lascia andare e trascinare dalle contrastanti volontà altrui, accadde qualcosa che non avevamo previsto”

“Eppure…eppure, nonostante tutte le prove esteriori che dimostrano come siamo strettamente uniti, interdipendenti, socievoli, di buon umore, disposti ad aiutarci a vicenda, comprensivi, quasi fraterni, siamo un popolo solitario, un gregge morboso e impazzito che si precipita qua e là con fanatica frenesia, cercando di dimenticare che non siamo come crediamo di essere, e cioè non realmente capaci di ascoltare, non un bel niente, in realtà, ma soltanto numeri spostati qua e là da una mano invisibile per un calcolo che non ci riguarda.”

“nessuno può sentirsi meglio dell’uomo che si lascia ingannare completamente. Essere intelligenti può costituire un vantaggio; ma essere completamente fiduciosi, creduloni fino all’idiozia, arrendersi senza riserve, è una delle gioie supreme della vita.”

“Ma Joyce è qualcosa di simile a uno zimbello; la sua fama si accresce precisamente perchè, in genere, non può essere capito. Egli viene accettato come una bizzarria, un fenomeno, qualcosa di simile al gigante di Cardiff.”

“Compatisco l’uomo nato per essere scrittore.”

“Impazzirei se esaminassi la situazione con chiarezza. E’ impossibile…se si vuole tirare avanti. Bisogna strabuzzare gli occhi, mentre si procede; bisogna fingere che tutto abbia un senso; bisogna lasciar credere alla gente che si sa quel che si fa. Ma nessuno sa quel che fa. Non è che ogni mattina ci alziamo e pensiamo a quanto stiamo facendo. Nossignore! Ci alziamo nella nebbia e trasciniamo i passi in una buia galleria con l’emicrania da sbornia. Stiamo al gioco., Sappiamo che è un suicidio, schifoso imbroglio, ma non possiamo farne a meno…non c’è scelta.”

“Credo che il mio guaio sia questo: non riesco a mandar giù il fatto che sono semplicemente un nessuno qualsiasi, come tutti gli altri.”

“Aspettavo soltanto di sentire quell’esplosione incredibilmente abortita di stelle bagnate che ricade alla base dell’utero come morte lumache.”

“Eravamo d’ottimo umore Mara e io; cenammo in una trattoria e innaffiammo il pasto con un po’ di Chianti.”

“Per la prima volta divenivo consapevole della verità che lo scopo della vita consiste nel viverla.”

“Non so per quanto tempo la cosa continuò. Non ho la più pallida idea se lei fosse conscia o meno della mia adorazione. Che importa? Ero innamorato dell’amore. Amare! Concedersi assolutamente, prostrarsi dinanzi all’immagine divina, morire mille morti immaginarie, annichilire ogni traccia di se stessi, trovare l’universo intero personificato e racchiuso nell’immagine viva di un altro!”

“incominciavo a leggere, a leggere troppo. Mi stavo volgendo interiormente, chiudendomi su me stesso, come si chiudono i fiori nella notte.”

“L’uomo eternamente turbato dai problemi dell’umanità, o non ha problemi suoi o si è rifiutato di affrontarli.”

“La vita era qualcosa di cui parlavano i filosofi in libri che nessuno leggeva.”

“Pensare che tra le gambe di un uomo pendeva qualcosa capace di farle dimenticare completamente se stessa, la esasperava.”

“Nessuna donna sa fottere selvaggiamente quanto l’isterica che ha reso frigida la propria mente.”

“In strada, tutto riapparve grigio e di nuovo normale. Una normalità deprimente all’estremo. La gente passava, simile a verdure fusiformi; somigliava alle cose che mangiava. E quel che mangiava lo trasformava in merda. Niente di più. Pfui.”

“La bellezza femminile è una creazione incessante, un incessante ruotare intorno a un difetto (spesso immaginario) che fa turbinare l’intero essere verso il cielo.”

“E’ sempre interessante scoprire che cosa succede in realtà quando ti chiudi una porta alle spalle.”

“Vi sono giorni nei quali il ritorno alla vita è penoso e doloroso. Si abbandona il regno del sonno contro la propria volontà. Non è accaduto nulla, tranne la consapevolezza che la realtà più profonda e più vera appartiene al mondo dell’inconscio.”

“I libri erano per Roy ciò che è lo yoga per colui che seriamente cerca la verità: lo aiutavano a unirsi a Dio.”

“La varietà delle opere difensive dietro le quali si trincera l’essere umano è stupefacente quanto i meccanismi di difesa esistenti nel mondo degli animali e degli insetti.”

“La saggezza è silenziosa, e la propaganda più efficace della verità è la forza dell’esempio personale.”

“Nella crescita v’è dolore e lotta; nel conseguimento vi sono felicità ed esuberanza; nell’adempimento vi sono pace e serenità.”

“L’immaginazione è la voce dell’audacia. Se esiste qualcosa di divino in Dio, si tratta di questo. Egli ha osato immaginare ogni cosa.”

“Colui che ama freme al pensiero di più dure prove; silenziosamente supplica che gli sia consentito di mettere la mano nel fuoco.”

“Stiamo fuggendo. Da che cosa? non lo sappiamo. Da un’infinità di cose senza nome. E’ una rotta, un panico. Non esiste un luogo ultimo in cui rifugiarsi.”

“Dal momento in cui ti desti, al momento in cui vai a letto, è tutta una menzogna, è tutta una finzione e una truffa.”

“Il giudice sembrava uno spaventapasseri munito di un paio di binocoli lunari; le sue nere ali battevano lugubremente nel silenzio dell’aula.”

“Nella profonda cantina del cuore umano echeggia il pizzicato doloroso dell’arpa di ferro. Edificate orgogliose e alte le vostre città. Scavate fognature. Scavalcate fiumi. Lavorate febbrilmente. Dormite senza sogni. Cantate follemente come l’usignolo dell’Oriente. In basso, sotto le fondazioni più profonde, vive un’altra razza di uomini. Sono scuri, tetri, appassionati. A furia di muscoli si addentrano nelle viscere della terra. Aspettano con una pazienza che ha del terrificante. Sono gli spazzini, i divoratori, i vendicatori. Emergono quando tutto crolla nella polvere.”

“Che fiore strano e meraviglioso è l’essere umano! Lo tieni in mano, e mentre dormi cresce, si trasforma, emana una fragranza narcotizzante.”

“Parla di nuovo dell’Etna, dei grappoli d’uva, di ozio, pigrizia, buoni cibi, sole. Getta un seme in me.”

“Il didietro ti dice tutto di una donna, il carattere, il temperamento, se è irascibile, morbosa, allegra o volubile, se è sensibile o insensibile, se è materna o amante del piacere, se è sincera o bugiarda per natura.”

“Il sesso è una delle nove ragioni della reincarnazione. Le altre otto sono prive d’importanza.”

“L’amore è un gioco d’azzardo, non una polizza d’assicurazione.”

“Strade principali e secondarie che si diramano in tutte le direzioni. Che cosa sarebbe il mondo senza strade? Un oceano senza rotte. Una giungla. Il primo sentiero nel deserto dovette sembrare un grande risultato. Direzione, orientamento, comunicazione. Poi due strade, tre strade… Quindi milioni di strade. Una ragnatela e al suo centro l’uomo, il creatore, catturato come una mosca.”

“Ora devo andare in qualche posto! Devo andarmene definitivamente…altrimenti impazzirò. So di non essere un bambino, ma non so se voglio essere un uomo.”

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: