Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Belli e dannati – F. S. Fitzgerald

“Nel 1913, quando Antony Patch aveva 25 anni, erano già passati due anni dal momento in cui l’ironia, lo Spirito Santo di questi ultimi tempi, era, almeno teoricamente, calata su di lui.”

“Era una cosa inevitabile; nonostante le proteste dei Virginiani e dei Bostoniani, un’aristocrazia basata unicamente sul denaro esige la ricchezza personale.”

“Per fare una concessione alla sua fantasia ipocondriaca prese l’abitudine di leggere a letto: lo calmava. Leggeva finchè era stanco e spesso si addormentava con la luce ancora accesa.”

“Nell’arredamento evitava di appartenere a un periodo preciso. Non era nè rigida nè sovraccarica, nè squallida nè decadente. Non odorava nè di fumo nè di incenso: era vasta e di un azzurro chiaro. Vi era un divano in cuoio bruno morbidissimo e la sonnolenza vi aleggiava come una nebbia leggera”

“Lo svolgersi dei suoi 75 anni aveva agito come un mantice magico: il primo quarto di secolo le aveva colmato di vita e l’ultimo gliel’aveva risucchiata”

“Anthony era lieto di non dover lavorare al suo libro. L’idea di sedere a pensare non soltanto parole di cui rivestire i pensieri, ma pensieri degni di essere rivestiti di parole, tutta questa storia assurda era lontana dai suoi desideri.”

“Fra loro era l’aria di autunno, e i tetti e le voci velate. Eppure per un attimo non del tutto spiegato, in un unisono perverso, il suo sentimento era stato vicino all’adorazione più di quanto lo fosse mai stato nel bacio più profondo.”

“…soprattutto c’era l’impressione dell’alzarsi, fluire, chioccolare, ridacchiare, spumeggiare, di un’ondata lenta di questo mare giocondo di gente che riversava quella sera il suo torrente scintillante nel lago artificiale del riso….”

“Giunto nell’appartamento fumò un’ultima sigaretta seduto al buio accanto alla finestra aperta sulla strada. Per la prima volta da più di un anno si sorprese ad amare New York. Aveva un che di penetrante, un qualcosa che pareva appartenere al sud. Una città solitaria.”

“Ella era incomprensibile, perchè il lei l’anima e lo spirito erano una cosa sola: la bellezza del corpo era l’essenza dell’anima. Era l’unità cercata dai filosofi per secoli e secoli. In questa sala d’aspetto di venti e di stelle, ella stava seduta da cento anni, tranquilla nella contemplazione di se stessa.”

“La tua vita sulla terra sarà, come sempre, l’intervallo tra due occhiate importanti in uno specchio mondano.”

“A questo suo marito ella faceva l’ultima concessione della vita coniugale, che è più completa, più irrevocabile della prima: lo asoltava.”

“Un classico è un libro di successo sopravvisuto alla reazione del periodo e della generazione successiva. Allora è al sicuro, come uno stile nell’architettura o nel mobilio. Ha acquistato una dignità pittoresca che sostituisce la moda…”

“Era abbagliante, accesa; un’angoscia, cogliere la sua bellezza in uno sguardo solo. I capelli, pieni di un bagliore divino, erano lieti nel colore invernale della stanza.”

“la biografia di tutte le donne incomincia col primo bacio importante e finisce quando le vien messo tra le braccia l’ultimo figlio.”

“Antonhy per il momento desiderava furiosamente dipingerla, coglierla in questo momento, com’era, come non avrebbe potuto essere mai più, col passare di ogni attimo inesorabile.”

“Era un sole radioso, crescente, che raccoglieva luce e la conservava: poi, dopo un’eternità, la emanava in uno sguardo, nello squarcio di una frase, a quella parte di lui che idolatrava tutta la bellezza e tutta l’illusione.”

“Il Cavaliere venne ridotto per vent’anni all’infelicità suprema di una serie di donne che l’avevano odiato, sfruttato, seccato, esasperato, nauseato, ridotto al verde e fatto scemo: insomma, come dice il mondo, l’avevano amato.”

“La sua espressione era un misto di quella che avrebbe potuto avere un contadino medio-occidentale intento a valutare la propria messe e quella di un attore che si chieda se qualcuno lo guarda: l’atteggiamento pubblico di tutti i buoni americani.”

“Ella non parlò. Rivolse verso di lui il viso, pallido sotto i guizzi e le chiazze di luce, che entravano come raggi di luna attraverso il fogliame. Gli occhi erano increspature lucenti nel bianco lago del suo viso; le ombre dei capelli orlavano la fronte in una nube persuasiva, estranea. Certamente non vi era amore; nè traccia di amore alcuno. La sua bellezza era fredda come questa ventata umida, come le soffici labbra bagnate.”

“Un bacio simile era un fiore poggiato sul viso, fuori di ogni descrizione, quasi fuori del ricordo; come se la bellezza di lei si sviluppasse in emanazioni che gli si posavano sul cuore rapide e subito disciolte.”

“Gli occhi di lei parvero guardarlo da molti millenni.”

“Il miracolo nudo e inatteso di una notte muore con la fine indugiante delle ultime stelle e la nascita prematura dei primi strilloni di giornali. La fiamma si ritira a qualche fuoco remoto e platonico; il calor bianco si è staccato dal ferro e l’incandescenza del carbone.”

“L’intimità si crea così. Prima si dà il miglior ritratto di se stesso, un prodotto splendente e rifinito, ritoccato di vanterie e falsità e umorismi. Poi diventavano necessari i particolari e si dipinge un secondo ritratto e poi un terzo… In breve i lineamenti migliori si cancellano… e finalmente si rivela il segreto: i piani dei ritratti si sono mescolati e ci hanno tradito, e per quanto continuiamo a dipingere non riusciamo più a vendere un quadro. Bisogna accontentarsi di sperare che le fatue descrizioni di se stessi fatte alle mogli e ai figli e ai colleghi siano accettate per vere.”

“Non per quella sera soltanto ma per i giorni e le settimane che seguirono i libri sarebbero stati per lui semplice oggetto di arredamento e gli amici soltanto gente che viveva e camminava in un nebuloso mondo esterno dal quale egli tentava di evadere: quel mondo era freddo e pieno di vento gelido, e per un attimo egli aveva visto linterno di una casa calda dove splendevano fuochi.”

“La felicità è soltanto il primo momento che segue il sollievo da uninfelicità particolarmente intensa.”

“La mamma dice che due anime a volte vengono create insieme e… si amano prima di nascere”

“…essi non sapevano che non facevano che calcare le orme di generazioni polversoe ma percepivano confusamente che, se la verità è il fine della vita, la felicità ne è un aspetto che va ricercato nel suo breve, tremulo momento.”

“Quante donne devono strisciare sul ventre come vermi in matrimoni incolori! Il matrimonio non è stato creato per fare da sfondo, ma per esigerlo. Il mio sarà tutto in rilievo. Non può, non deve essere lo scenario lo scenario: sarà la recita, la viva, bella, sgargiante recita, e il mondo sarà lo scenario.”

“Cercare di conservare un secolo tenendone in vita le reliquie è come cercar di tenere in vita un vecchio per mezzo di stimolanti.”

“non c’è bellezza senza emozioni e non c’è emozione senza la sensazione che tutto passa, uomini, nomi, libri, case…destinati alla polvere…mortali.”

“Il segno inconfondibile dell’umanità tocca tutte le cose belle e impersonali che la giovinezza soltanto afferra nel loro splendore impersonale.”

“Tuttavia sentiva perfino allora che col tempo avrebbe dimenticato e che la vita colpisce di rado ma logora sempre.”

“Il taxi era soltanto al ponte di Brookln, ma il tassametro segnava già un dollaro e ottanta ed Anthony non avrebbe mai rinunciato a dare la mancia del dieci per cento.”

“Era questa, evidentemente, la sostanza della vita: un trionfo confuso che li accecava tutti, sirena nomade che li faceva accontentare di uno stipendio magro e dell’improbabilità aritmetica di un successo finale.”

“Condannarono i libri che leggevo e le cose che pensavo chiamandole immorali; più tardi la moda cambiò e le condannarono chiamandole intelligenti.”

“Poi crebbi, e la bellezza delle illusioni succulente mi cadde di dosso. la mia fibra mentale si irrobustì e gli occhi mi divennero melanconicamente acuti. La vita sorse intorno alla mia isola come un mare e presto mi misi a nuotare.”

“La vita mi stava addosso come una maestra immorale, ad aver cura dei miei pensieri ordinati.”

“Il taxi era soltanto al ponte di Brooklyn, ma il tassametro segnava già un dollaro e ottanta e Anthony non avrebbe mai rinunciato a dare la mancia del dieci per cento.”

“Era questa, evidentemente, la sostanta della vita: un trionfo confuso che li accecava tutti, sirena nomade che li faceva accontentare di uno stipendio magro e dell’improbabilità aritmetica di un successo finale.”

“Condannarono i libri che leggevo e le cose che pensavo chiamandole immorali; più tardi la moda cambiò e le condannarono chiamandole intelligenti.”

“Poi crebbi, e la bellezza delle illusioni succulente mi cadde di dosso. La mia fibra mentale si irrobustì e gli occhi mi divennero melanconicamente acuti. la vita sorse intorno alla mia isola come un mare e presto mi misi a nuotare.”

“La vita mi stava addosso come una maestra immorale, ad aver cura dei miei pensieri ordinati.”

“Che debole cosa è l’intelligenza, coi suoi passi brevi, le sue incertezze, i suoi andirivieni, le sue ritirate disastrose! L’intelligenza è un semplice strumento delle circostanze. C’è chi sostiene che dev’essere stata l’intelligenza a creare l’universo: ma l’intelligenza non ha creato neanche la locomotiva! Sono state le circostanze a creare la locomotiva. l’intelligenza è poco più di un doppio decimetro col quale vengono misurate le opere infinite delle circostanze.”

“Io parlo alla rinfusa, in frammenti sconnessi”

“Uno che preferisce la prima edizione di un libro all’ultima edizione del giornale”

“Le cose erano precipitate visibilmente. C’era il problema dei soldi, sempre più fastidioso, sempre più sinistro; c’era la percezione che l’alcool era diventato praticamente una necessità per il loro divertimento: fenomeno da un centinaio d’anni non insolito nell’aristocrazia britannica, ma vagamente preoccupante in una civiltà che andava diventanto sempre più moderata e più circospetta.”

“Non c’era pace, non c’era sosta. Era stato vano quel desiderio di lasciarsi trasportare nel sogno; nessuno si può far trasportare nel sogno; nessuno si può far trasportare se non dal Maelstrom, nessuno può sognare senza che i sogni diventino incubi fantastici di indecisione e rimpianto.”

“Dopo la sicurezza della gioventù s’inizia un periodo intensamente e insopportabilmente complesso.

“Ma all’accostarsi della trentina la faccenda è diventata troppo complicata, e ciò che fino allora è stato imminente e preoccupante s’è fatto lentamente remoto e confuso. La routine cala come il crepuscolo su un passaggio sgradevole, addolcendolo fino a renderlo sopportabile. La complessità è troppo sottile, troppo mutevole; i valori cambiano completamente ad ogni lesione della vitalità; si incomincia a vedere che dal passato non si può imparare nulla che serva ad affrontare il futuro: così si smette di essere impulsivi, malleabili, attratti da ciò che entro vasti margini è moralmente vero, si sostituiscono le idee di onestà con regole di condotta, si dà più valore alla sicurezza che all’amore, si diventa, in modo del tutto inconscio, pragmatisti.”

“Quando il disagio della loro vita veniva notato da una terza persona, provavano l’impulso di affrontare insieme questo mondo ostile.”

“Ma come sempre, erano tristi l’uno per l’altra per ragioni sbagliate in momenti sbagliati.”

“Anthony, girellando nella penombra calda, sentì per la prima volta da anni l’alito lento, erotico del Sud sovrastante nella tenera dolcezza dell’aria, nella nenia dilagante del pensiero e del tempo.”

“C’era sempre qualcosa che a Dot accadeva. Non era debole, perchè non c’era nulla in lei a dirle che lo era. Non era forte, perchè non seppe mai che certe cose che faceva erano coraggiose. Dot non sfidava nè si comprometteva nè si adattava alle regole.”

“Dot, mormorò Anthony a disagio, mi dimenticherai. le cose diventano più dolci quando sono perdute. lo so: perchè una volta volevo qualcosa e l’ho ottenuta. E’ stata la sola cosa che abbia mai voluta davvero, Dot. E quando l’ho ottenuta mi si è ridotta in polvere fra le mani.”

“Perchè il desiderio inganna. E’ come un raggio di sole che guizza qua e là in una stanza. Si ferma e illumina un oggetto insignificante, e noi poveri sciocchi cerchiamo di afferrarlo: ma quando lo afferriamo il sole si sposta su qualcos’altro e la parte insignificante resta, ma lo splendore che l’ha resa desiderabile è scomparso.”

“Il bacio di Gloria fu un ruscello fresco che le sgorgava dal cuore.”

“il tempo procede, scendo a compromessi con gli avvenimenti.”

“…perchè tutti gli uomini sono nati per avere successo, e sono loro a fallire…”

“Babe Ruth aveva superato per la prima volta il record nazionale e Jack Dempsey aveva spaccato la mandibola di Jess Willard giù nell’Ohio. In Europa il solito numero di bambini aveva il ventre gonfio per la carestia, e i diplomatici erano occupati come sempre a evitare nuove guerre al mondo.”

“Era più massiccio, adesso, il ventre gli era diventato un fardello flaccido contro la cintura; la carne era diventata più molle e si era diffusa. Anthony aveva 32 anni e una mente che era un rottame cupo e disordinato.”

“Era una verità che sta al centro della tragedia, il fatto che questa forza non offra mai spiegazione, non offra mai risposta, questa forza intangibile come l’aria, più precisa della morte.”

“Ma non gli piaceva non essere ubriaco. Quando non era ubriaco si accorgeva della gente che lo circondava, di quell’atmosfera di lotta, di ambizione avida, di speranza più sordida della disperazione, di spostamenti incessanti in alto o in basso che nelle metropoli sono soprattutto evidenti nella borghesia instabile. nell’impossibilità di stare cosi ricchi pensava che avrebbe scelto di vivere coi poverissimi. Qualunque cosa era preferibile a questa coppa di sudore e di lacrime.”

“C’era una certa benignità nell’ubriachezza; c’era quell’indescrivibile splendore che essa recava, simile ai ricordi di serate effimere e svanite.”

“Il frutto della giovinezza o dell’alcool, la magia passeggera del passaggio breve da buio a buio…l’antica illusione che la verità e la bellezza si fossero in qualche modo allacciate.”

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: