Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Il mio viaggio della speranza – B. Mademba

“Quando ero in Senegal, a otto anni ho sentito pronunciare da qualcuno il nome dell’Italia; tuttavia il primo nome di un paese europeo che ho conosciuto, è stato la Grecia. Il babbo di un mio amico lavorava sui pescherecci di armatori greci, i quali raccontavano delle cose meravigliose su quel che accadeva lassù in Europa. Io mi immaginavo chi sa che, mentre, ora che ci vivo, vedo che la realtà è ben diversa dai miei sogni.”

“Come avrò fatto a resistere tutto quel tempo io non so; ero diventato la metà del mio peso, dovevo stringere i denti; solo il pensiero della mamma e le preghiere a Dio riuscirono a salvare il mio cuore.”

“Pensavo due cose: tanto si deve morire…e la mia famiglia”

“Allora giù tutti a pregare, ognuno aveva il suo Signore, chi chiedeva aiuto a Serigne Touba, chi ad Allah, chi a Gesù; chi a Budda; perchè c’erano senegalesi, eritrei, etiopi, iraniani, indiani, della Costa d’Avorio e di altri paesi del mondo.

“Si trattava di un dono inviatoci dall’ONU, ma a noi parve che quel carico venisse dal cielo, fosse cioè il frutto delle nostre preghiere, perchè in quel giorno speciale ne avevamo fatte molte”

“I greci, come gente sono un pò crudi e chiusi. Loro, se non hanno bisogno di te non ti dicono niente. Le ragazze, i ragazzi, la gente, non ti fanno nessun problema, però non si interessano a te.”

“Abbiamo passato la notte e la mattina abbiamo finalmente visto l’Italia. Questa Italia che io mi sognavo in Senegal, in Costa d’Avorio, in Turchia, in Grecia, ora era davanti a me e mi aspettava.”

“Mentre aspettavo i miei fratelli facevo le mie prime riflessioni sull’italia. Ero piuttosto scoraggiato perchè mi immaginavo che fosse diversa, più ricca, più fastosa, con grandi automobili per le strade, con gente ricca ed elegante, senza ombra di miseria. Pensavo che fosse come l’America, un paese delle meraviglie, invece era un paese soltanto un pochino diverso dal Senegal.”

“Cominciavo a capire che gli italiani sono bravi, ricchi di una cultura e con un’umanità immensa, per cui se tanto tanto riesci a metterti in sintonia con tutto ciò puoi fare un bel pezzo di strada in avanti”

“Ecco, io ho una vera passione per il genere umano, sono curioso, avverto che l’incontro con l’altro mi arricchisce e mi da gioia.”

“A me piace il mio lavoro perchè amo parlare con la gente, l’essere umano è una cosa che a me piace tanto. L’incontro con l’altro ha un valore soprannaturale perchè è l’incontro con una creatura di Dio, dunque avvicinandosi all’altro con amore, è come avvertire in lui la presenza dell’Onnipotente.”

“Magari lì per l uno mi dà qualcosa in cambio del mio libro, pensando di farmi un favore, poi quando torna a casa sua, se si mette a sfogliarlo, si rende conto di che libro poetico gli ho dato e capisce che il favore l’ho fatto io a lui, e comprende la verità del proverbio “date e vi sarà dato”.

“Dicono che i terroristi sono musulmani, ma in effetti essi sono di tutte le religioni, perchè il terrorismo non è una religione. I terroristi sono uomini cattivi che non sanno usare questa vita. Dio non ha mai detto che bisogna far morire una persona per motivi personali.”

“Se io incontro un altro senegalese, io sempre lo saluto; e se mi chiede come sto, io dico “bene”! anche se sono arrabbiato dentro di me. perchè se rispondi “bene” vuol dire che vivi bene, se invece rispondi “male” significa che continuerai male.”

“Per me ogni donna è un tesoro della vita, se io vedo una coppia veramente bella mi complimento con loro”

“Ma allora tanto vale essere coraggiosi per tutta la vita.”

“Non ci sono più nè vecchi nè giovani, in questo ballo in maschera della società del benessere, abbiamo perso l’identità e tutti siamo diventati immigrati.”

“Essi ci raggiungono per portarci in dono le cose preziose che noi abbiamo, ohimè, dimenticate: il sorriso, la voglia di parlare, il gusto di salutarsi, il piacere della compagnia, la disponibilità alla sorpresa, la mancanza di paura verso il prossimo, l’accettazione fatalistica delle difficoltà”

“Gorèe evoca uno dei più grandi crimini contro l’umanità perpretato dalle potenze europee”

“Le madri coraggio di Thiaroye sur Mer non vanno più sulla spiaggia perchè non vogliono sentire il rumore delle onde che ricordano ai loro cuori i figli perduti: fra loro e il mare è avvenuto un divorzio!”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: