Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Dizionario filosofico – Voltaire

“Il dogma della Provvidenza è tanto sacro , tanto necessario alla felicità del genere umano, che nessuna persona onesta deve esporre i suoi lettori a dubitare di una verità che non può far del male in nessun caso e che può sempre fare molto bene”

“Questo libro non può essere letto tuttavia se non da persone illuminate; il volgo non è fatto per conoscenze del genere; la filosofia non sarà mai suo retaggio. Coloro i quali sostengono che talune verità devono essere tenute nascoste al popolo, non hanno di che allarmarsi; il popolo non legge; la gente del popolo lavora per sei giorni la settimana e il settimo va all’osteria. In una parola, le opere di filosofia non son fatte se non per i filosofi, e ogni uomo retto deve cercare di essere filosofo, senza piccarsi di esserlo.”

“Il fatto è che la stirpe di Ismaele è stata favorita da Dio in misura infinitamente maggiore della stirpe di Giacobbe. L’una e l’altra, a dire il vero, hanno generato dei ladroni; ma i ladroni arabi sono stati prodigiosamente superiori a quelli ebrei.”

“E’ un singolare esempio della stupidità umana il fatto che noi abbiamo considerato per tanto tempo gli Ebrei una nazione che aveva insegnato tutto alle altre, benchè il loro stesso storico Flavio Giuseppe confessi il contrario”

“(l’amicizia) E’ un contratto tacito fra persone sensibili e virtuose. Dico sensibili perchè un monaco, un solitario, può essere una persona dabbene e vivere senza conoscere l’amicizia; dico virtuose perchè i malvagi hanno solo dei complici, i libertini dei compagni di bisboccia, gli affaristi dei soci, i politici raccolgono dei faziosi, la maggior parte degli sfaccendati ha delle relazioni, i principi hanno dei cortigiani: solo gli uomini virtuosi hanno degli amici. Cetego era complice di Catilina, e Mecenate cortigiano di Ottaviano; ma Cicerone era amico di Attico.”

“No, non è nell’indole dell’uomo fare una legge che contraddica e rechi oltraggio alla natura, una legge che annullerebbe il genere umano se fosse osservata alla lettera”

“O Uomo! quel Dio t’ha dato l’intelletto perchè tu possa ben governarti e non perchè tu possa penetrare nell’essenza delle cose da lui create.”

“Noi abbiamo rispetto più per i morti che per i vivi. Sarebbe necessario rispettare gli uni e gli altri.”

“E’ solo l’orgoglio che fa nascere le dispute, e Gesù, vostro maestro, vi ha ordinato di essere umili.”

“E’ indubbio che in uno stato ben organizzato è infinitamente più utile avere una religione (anche fallace) che non averne affatto”

“Fu sempre la vanità a far esigere i grandi monumenti”

“Gli antichi hanno molto disputato sul sommo bene. Tanto valeva chiedersi che cos’è il sommo blu, o il sommo manicaretto, il sommo i ncedere, il sommo leggere ecc..”

“Non mi piacciono le citazioni, che di solito sono una cosa antipatica: si trascura ciò che precede e ciò che segue il passo citato, esponendosi così a un mucchio di critiche.”

“Voi sapete che in questa vita ci sono e ci saranno sempre virtù non ricompensate e delitti impuniti; è quindi necessario che il bene e il male vengano giudicati in un’altra vita.”

“Non basta non fare il male; dovrete fare il bene”

“Io credo che l’umiltà sia la modestia dell’anima, in quanto la modestia esteriore è solo buona educazione. L’umiltà non può consistere nel negare a se stessi la superiorità che si può aver acquistata su qualche altro. Un buon medico non può nascondersi di saperne di più del suo ammalato in delirio; chi insegna astronomia deve ammettere di essere più colto dei suoi scolari; non può impedire a se stesso di crederlo, ma non deve neanche presumere di saper più di quello che sa. Essere umili non significa abbassarsi: l’umiltà è il correttivo dell’amor proprio, come la modestia è il correttivo dell’orgoglio.”

“Guai a quel popolo così sciocco e barbaro da pensare che ci sia un Dio per la sua sola provincia!”

“Tutto ciò che certi tiranni spirituali desiderano, è che gli iomini da loro istruiti abbiano idee sbagliate”

“Calmete, che ha molto compilato ma mai ragionato, parla del sistema degli Ebrei: ma quel popolo rozzo era ben lungi dall’avere un sistema; non aveva nemmeno una scuola di geometria e non ne conosceva neanche il nome; la sua sola scienza era la senseria e l’usura.”

“Tutti gli uomini sarebbero necessariamente uguali se fossero senza bisogni. La miseria congenita alla nostra specie subordina un uomo a un altro uomo; la vera disgrazia non è la disuguaglianza, ma la sottomissione. importa ben poco che il tale si chiami Sua Altezza o il tal altro Sua Santità: quel che è duro è servire l’uno o l’altro.”

“E’ impossibile nel nostro sciagurato globo, che gli uomini che vivono in società non siano divisi in due classi, degli oppressi e degli oppressori; ed esse si suddividono in mille classi, le quali a loro volta hanno sfumature diverse.”

“L’entusiasmo è proprio come il vino; può suscitare tanto tumulto nei vasi sanguigni e vibrazioni tanto violente nei nervi da distruggere totalmente la ragione. ma può anche causare solo scosse leggere, che si limitino a dare al cervello solo un pò più di attività, come accade nei grandi moti dell’eloquenza e, soprattutto, nella poesia sublime. L’entusiasmo ragionevole è la virtù dei grandi poeti.”

“Il fanatismo sta alla superstizione come il delirio sta alla febbre e il furore alla collera. Chi ha estasi, visioni, chi prende i sogni per realtà e le fantasie per profezie, è un entusiasta; chi sostiene la propria follia col delitto è un fanatico.”

“L’amore ha degli strali che trafiggono i cuori e porta una benda che nasconde i difetti della persona amata.”

“Essere ipocriti è una bassezza, ma essere ipocriti e malvagi è una cosa orribile”

“Gli uomini sono fatti in modo da acconsentire a commettere il male, ma non vogliono che venga loro predicato.”

“Gli Ebrei, popolazione molto recente, erano un’orda araba. Essi si facevano belli di quanto c’era di meglio nel cantone migliore dell’Arabia. Essi hanno sempre fatto proprie le tradizioni antiche delle grandi nazioni in mezzo alle quali si trovavano a vivere, rinchiusi in piccole enclave.”

“Gli uomini in generale hanno organi più idonei a un’attenzione protratta che no n le donne, e inoltre sono più adatti ai lavori della mente e del braccio. Ma quando una donna ha il polso e la mente più fermi del marito, ne è dappertutto la padrona; in questo caso è il marito che è sottomesso alla moglie.”

“Ci si è sempre lagnati del presente e si è sempre rimpianto il passato.”

“Nulla è più comune delle persone pronte a dar consigli, nulla è più raro di quelle che si prestano a dare aiuto.”

E’ un errore assurdo avere immaginato che gli Ebrei siano stati i soli a riconoscere un Dio unico; era questa la dottrina di quasi tutto l’Oriente; e gli Ebrei non furono in ciò altro che dei plagiari, come lo furono in tutto”

“Che cosa diventano e cosa m’importano l’umanità, la beneficenza, la modestia, la temperanza, l’affabilità, la saggezza, la pietà, quando una mezza libra di piombo sparata da seicento passi mi fracassa il corpo e io muoio a vent’anni fra tormenti indicibili, in mezzo a cinque o seimila moribondi, mentre i miei occhi, che si aprono per l’ultima volta, vedono la città dove sono nato distrutta dal ferro e dal fuoco,  gli ultimi suoni che odono le mie orecchie sono le grida delle donne e dei bambini che spirano sotto le rovine: tutto per i pretesi interessi di un uomo che non conosciamo?”

“Da quando gli uomini vissero in società, dovettero accorgersi che molti colpevoli sfuggivano alla severità delle leggi. Si punivano i deliti pubblici: fu necessario stabilire un freno per quelli segreti: solo la religione poteva essere un tale freno.”

“Perchè l’Indiano che ha prescritto le regole del gioco degli scacchi trova obbedienza di buon grado in tutta la terra, mentre ad esempio le decretali dei papi sono oggetto ai nostri giorni di orrore e disprezzo?”

“Le pene dei criminali siano utili. Un uomo impiccato non serve a nulla, mentre un uomo condannato ai lavori pubblici è ancora utile alla patria e rappresenta una lezione vivente.”

“Ogni legge sia chiara, uniforme e precisa: interpretarla equivale quasi sempre a corromperla.”

“L’uomo di lettere è inerme; assomiglia ai pesci volanti: se si innalza un pò, lo divorano gli uccelli; se si tuffa, se lo mangiano i pesci.”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: