Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Michele Strogoff – J. Verne

“Quel fiume era la Moskova, quella città era Mosca, quella cinta fortificata era il Cremlino; e l’ufficiale dei cacciatori della Guardia che, a braccia conserte, fronte pensierosa, ascoltava distrattamente il rumore che scendeva dal palazzo Nuovo sulla vecchia metropoli moscovita, era lo zar”

“Ma avendo realmente cervello e cuore, si va lontano”

“Era uno di quegli uomini la cui mano pare sempre stringere i capelli dell’Occasione”

“Allora và Michele Strogoff, và, per Dio, per la Russia, per mio fratello e per me!”

“Le abitudini che si contraggono stando soli, apparivano con evidenza nel comportamento della giovane viaggiatrice: il suo modo di entrare nello scompartimento e di disporsi al viaggio, l’assenza di qualsiasi agitazione nel muoversi tra gli altri, la cura nel non disturbare nè scomodare nessuno, tutto indicava come ella fosse abituata a esser sola e a non contare che su di sè”

“…un simile fulmine a ciel sereno non aveva certo potuto scoppiare senza che tutti ne udissero il tuono”

“Io non vi seguo signore: vi precedo”

“Gli occhi le brillavano intensamente fissando l’est, quasi volessero forare col loro sguardo l’impenetrabile orizzonte”

“L’inverno è amico del russo”

“Se i viaggiatori non si aiutassero tra loro, non ci sarebbe più che da sbarrare le strade”

“Incominciava ormai la vera e propria steppa siberiana, estesa fino ai dintorni di Krasnoiarsk. Una pianura senza limiti, come uno sconfinato deserto erboso intorno al quale il cielo di unisca alla terra in una curva continua, che pare tracciata da un compasso”

“La ricompensa! – disse il mugik – Solo i pazzi l’aspettano su questa terra”

“Era uno tra quegli uomini che solo il giorno in cui cadono morti si fermano”

“si ammira chi non si mostra, e soprattutto lo si teme”

“Non le offrì i suoi servigi: glieli diede”

“E’ ben raro che una città russa non sia riempita da qualche scampanìo”

“Guardandolo si era portati a riassumere la sua vita nella parola lotta, nella certezza istintiva che egli aveva soprattutto lottato e sofferto.”

“Ma non la storia dei successi: quella delle traversie meritava d’essere raccontata”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: