Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Otello – Shakespeare

(traduzione in italiano di Salvatore Quasimodo)

“We cannot all be masters, nor all masters
Cannot be truly follow’d”
(Non possiamo essere tutti padroni, nè tutti i padroni si possono servire con fedeltà)

“…you are the lord of duty
I am hitherto your daughter: but here’s my husband;
And so much duty as my mother show’d
To you, preferring you before her father,
So much I challenge that I may profess
Due to the Moor My lord”
(Voi siete il mio signore, a cui devo obbedienza perchè sono vostra figlia. Ma qui c’è anche mio marito, e io credo di dovere al Moro, mio signore, la stessa obbedienza che mia madre rese a voi, preferendovi a suo padre)

“I here do give thee that with all my heart
Whic, but thou hast already, with all my heart
I would keep from thee. For your sake, jewel,
I am glad at soul I have no other child;
For thy escape would teach me tyranny,
To hang clogs on them. I have done, my lord.”
(Io ti do ora con tutto il cuore ciò che, se tu non l’avessi già preso, con tutto il cuore ti avrei negato. Sono felice, cara, di non avere altri figli, perchè la tua fuga m’insegnerebbe a essere tiranno e a metterli in catene)

“When remedies are past, the griefs are ended
By seeing the worst, which late on hopes depended.
To mourn a mischief that is past and gone
Is the next way to draw new mischief on.”
(Quando non c’è più rimedio è inutile addolorarsi, perchè si vede ormai il peggio che prima era attaccato alla speranza. Piangere sopra un male passato è il mezzo più sicuro per attirarsi nuovi mali)

“The robb’d that smiles steals something from the thief
He robs himself hat spends a bootless grief”
(Il derubato che sorride, ruba qualcosa al ladro, ma chi piange per un dolore vano, ruba qualcosa a se stesso)

“These sentences, to sugar, or to gall,
Being strong on both sides, are equivocal:
But words are words; I never yet did hear
That the bruis’d heart was pierced through the ear”
(Queste sentenze, capaci ugualmente con la loro forza di amareggiare o di addolcire l’animo, sono sempre ambigue. Ma le parole sono parole e io non ho ancora sentito dire che un cuore addolorato possa ricevere conforto dalle sole parole.)

“yet opinion, a sovereign
mistress of effects…”
(…l’opinione pubblica, arbitra assoluta d’ogni volontà)

“It is silliness to live when to live is torment;
and then have we a prescription to die when death is
our physician”
(E’ stupido vivere quando la vita è un tormento. E quando la morte è il nostro medico, allora abbiamo una ricetta sicura per morire)

“Come on, come on; you are pictures out of doors,
Bells in your parlours, wild cats in your kitchens,
Saints in your injuries, devils being offended,
Players in your house wifery, and housewives in your beds”
(Eh sì, voi donne quando siete per la strada sembrate dei dipinti, ma siete campane nei salotti, gatte selvatiche in cucina, sante quando offendete, diavoli se vi offendono; prendete per gioco i lavori di casa e vi affaticate soltanto a letto)

“…If it were now to die
‘Twere now to be most happy, for I fear
My soul hath her content so absolute
That not another comfort like to this
Succeeds in unknown fate”
(Se ora dovessimo morire, questo sarebbe il momento più desiderabile. Temo che il mio amore abbia raggiunto la gioia suprema, e che mai più il destino potrà dargliene un’altra uguale)

“…Reputation in an idle and
most false imposition; oft got without merit, and lost
without deserving…”
“L’onore è una convenzione falsa e priva di consistenza, che spesso si ottiene senza merito e si perde senza colpa”

“O thou invisible spirit of wine!
if thou hast no name to be known by, let us call thee
devil!”
(O invisibile spirito del vino, se non hai un nome tuo, lasciati chiamare demonio!)

“…Divinity of hell!
When devils will the blackest sins put on,
They do suggest at fist with heavenly shows”
(Logica dell’inferno! Quando i diavoli vogliono spingere qualcuno a commettere i più neri peccati, li rivestono di apparenze celesti, come sto facendo io)

“How poor are they that have not patience!”
(Chi non ha pazienza non ottiene niente)

“Fot thy solicitor shall rater die
Than give thy cause away”
(Il vosto avvocato preferirà morire piuttosto che rinunciare a difendere la vostra causa)

“Men should be what they seem;
Or those that be not, would they might seem none!”
(Gli uomini dovrebbero essere come sembrano; potessero invece non sembrare nemmeno uomini quelli che non sono come sembrano!)

“…who has a breast so pure
But some uncleanly apprehensions
Keep leets and law-days, and in session sit
With meditations lawful?”
(…Chi può essere tanto puro di cuore da non avere qualche indegno sospetto che possa sedere in tribunale e tenere udienza insieme con dei pensieri giusti?)

“But he that filches from me my good name
Robs me of that which non enriches him,
And makes me poor indeed”
(Chi invece ruba il mio buon nome, mi porta via una cosa che non fa ricco lui e impoverisce me)

“O! beware, my lord, of jealousy;
It is the green-ey’d monster which doth mock
The meat it feeds on; that cuckold lives in bliss
Who, certain of his fate, loves not his wronger;
But, O!what damnèd minutes tells he o’er
Who dotes, yet doubts; suspects, yet soundly loves!”
(Guardatevi dalla gelosia, signore. E’ un mostro dagli occhi verdi, che prima si diverte a giocare col cibo di cui si nutre. Beato quel becco che sa di esserlo e non ama colei che lo tradisce! Ma che vita dannata quella di chi ama e cova il dubbio, di chi sospetta e spasima d’amore)

“Poor and content is rich, and rich enough,
But riches fineless is as poor as winter
To him that ever fears he shall be poor”
(Chi è povero e contento è ricco, anzi ricchissimo. Ma chi è molto ricco e ha paura di diventare povero è povero come l’inverno)

“…O curse of marriage!
That we can call these delicate creatures ours,
And not their appetites…”
(Maledetto il matrimonio che ci fa chiamare nostre queste tenere creature, ma non le loro voglie)

“Dangerous conceits are in their natures poisons,
Which at the first are scarce found to distaste,
But which a little act upon the blood,
Burn like the mines of sulphur”
(I sospetti sono per loro stessa natura come veleni: in un primo momento si prova appena un senso di disgusto, ma, qundo cominciano ad agire sul sangue, bruciano come zolfo)

“I swear ‘tis better to be much abus’d
Than but to know’t a little.
(Ti giuro che è meglio essere davvero ingannato che avere soltanto un dubbio)

“Her honour is an essence that’s not seen;
They have it very oft that have it not”
(L’onore è per sua natura invisibile; spesso, proprio chi non l’ha pretende di averlo)

“But I do think it is their husbands’ faults
If wives do fall. Say that they slack their duties,
And pour our treasures into foreign laps,
Or else break out in peevish jealousies,
Throwing restraint upon us; or say they strike us,
Or scant our former having in despite;
Why, we have galls, and though we have some grace,
Yet have we some revenge.”
(Ma io credo che se le mogli tradiscono, la colpa è dei loro mariti! Essi, infatti, spengono i loro slanci e versano i tesori che ci spettano in altri grembi, o smaniano per la gelosia e ci tengono prigioniere, o ci picchiano e, per dispetto, ci riducono il denaro che ci davano prima. Anche noi abbiamo il fiele; e benchè non ci manchi qualche virtù, siamo capaci di vendicarci)

“…God me such usage send,
Not to pick bad from bad, but by bad mend!”
(Che Dio m’aiuti a non imparare il male dal male, ma a ricavarne buoni insegnamenti)

“O Damn’d Iago! O inhuman dog!”

“If I quench thee, thou flaming minister,
I can again thy former light restore,
Should I repent me; but once put out thy light,
Thou cunning’st pattern of excelling nature,
I know not where is that Promethean heat
That can thy light relume. When I have pluck’d thy rose.
I cannoti give in vital growth again,
It needs must wither: I’ll smell it on the tree”
(Quando avrò spento te, portatrice di fuoco, se mi pentissi potrei sempre riaccenderti, ma una volta spenta la tua luce, magnifica opera della perfezione della natura, non so dove potrei trovare il fuoco di Prometeo capace di riaccenderti. Quando ti avrò colto, o rosa, non potrò più ridarti la linfa vitale, e certamente appassirai. Voglio sentire ancora il tuo odore sulla pianta)

“That death’s unnatural that kills for loving”
(La morte che uccide per amore va contro ogni legge della natura)

“…of one whose subdu’d eyes
Albeit unused to the melting mood,
Drop tears af fast as the Arabian trees
Their med’cinable gum.”
(Dite che i miei occhi, vinti dal dolore, non abituati a commuoversi tanto facilmente, lasciano cadere lacrime fitte come le gocce di resina degli alberi d’Arabia)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: