Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Frasi sul viaggio

“Un viaggio, per quanto terribile possa essere, nel ricordo si trasforma in qualcosa di meraviglioso.” (Un viaggio chiamato vita -B. Yoshimoto)

“Non è la fine del viaggio a sostenere lo sforzo, ma la sua infinitezza.” (Per tutti i gusti – Z.Bauman)

“Penso che in fondo un viaggio sia tale quando non si protrae per lungo tempo, in quanto a un certo punto si deve ritornare.” (Un viaggio chiamato vita -B. Yoshimoto)

“Un viaggio è sempre un pò problematico, ma se nonostante le difficoltà si è decisi a visitare tanti posti, anche di un viaggio terribile si avrà un ricordo meraviglioso.” (Un viaggio chiamato vita -B. Yoshimoto)

“I viaggi moltiplicano le vite degli uomini.” (Un viaggio chiamato vita -B. Yoshimoto)

“Scavate, non troverete traccia di una mia sola visita a qualsivoglia museo, che sia il Louvre o il Prado, io preferisco starmene nel caffè a sbirciare il mondo.” (Hanno tutti ragione – P. Sorrentino)

“Ma si dice che la magia del viaggio cominci una volta che si è ritornati a casa.” (Un viaggio chiamato vita -B. Yoshimoto)

“qualcosa come una irrequietezza vagabonda, una giovanile frenesia di lontananze, insomma un sentimento così vivo l’afferrò, così nuovo, o da così lungo tempo represso e dimenticato, che dovette fermarsi di botto, con le mani dietro la schiena e gli occhi a terra, per decifrare la natura e l’obietto di quel turbamento.
Era desiderio di viaggiare: null’altro…” (Morte a Venezia – T. Mann)

“La sola cosa che non cambia mai è una sensazione che precede ogni viaggio: non tornerò uguale a prima. Credo che sia la sensazione più importante, quando ci si mette in viaggio.
In fondo ogni giorno è un viaggio.” (Un viaggio chiamato vita -B. Yoshimoto)

“Era davvero necessaria una parentesi: vivere un po’ d’imprevisto, alla giornata, respirare l’aria delle grandi distanze, far entrare sangue nuovo in circolazione; solo così avrebbe potuto sopportare l’estate e ricavarne buon frutto. Viaggiare, dunque: d’accordo.” (Morte a Venezia – T. Mann)

“In ogni caso, l’importante è avere presenza di spirito ed essere in buona forma fisica: viaggiare è un’avventura, e per l’avventura bisogna essere ben preparati.” (Harrer – La mia sfida al destino)

“Un viaggio ha due estremi: il punto in cui comincia e il punto dove finisce.” (Che Guevara – Latinoamericana)

“Ho imparato che il viaggiatore più esperto è quello che va a piedi” (Thoreau – Walden Vita nei boschi)

“Lì abbiamo capito che la nostra vocazione, la vera vocazione, era viaggiare in eterno per le strade e i mari del mondo. Eternamente curiosi, osservando tutto ciò che potesse comparire davanti alla vista. Annusando ogni angolo, ma sempre con discrezione, senza piantare radici in nessuna terra, nè fermandoci a studiare il substrato di qualcosa; la periferia ci bastava.” (Che Guevara – Latinoamericana)

“C’è un incanto che appartiene a tutte le frontiere, e risponde a quella commozione irrazionale, viscerale, che non può non provare, al cospetto di ogni frontiera, chiunque ami davvero la libertà.” (Soldati – Vino al vino)

“Grande è il piacere di chi, in un lungo viaggio, a un certo punto momento può includere un luogo che lui conosce o addirittura quello in cui vive.” (Soldati – Vino al vino)

“Peccato non provare. Ma proprio queste rinunce, queste attese di un ritorno, questi desideri di scoprire ancora, si depositano nell’animo e innamorano di un paese.” (Soldati – Vino al vino)

“Quanto di strano, di attraente, di travolgente e di meraviglioso è nella parola viaggio! E come è bello, esso stesso, il viaggio!” (Gogol – Le anime morte)

“…viaggio anche per me stesso: poichè conoscere il mondo, le vicende turbinose della gente, qualunque cosa se ne possa dire, è come un libro vivente, una seconda scienza” (Gogol – Le anime morte)

“…chè in nessun momento un viaggio si trova così incondizionatamente in nostro dominio, fin nei suoi angoli più sperduti, come quando siamo indaffarati nei preparativi per attuarlo. Una volta che questi siano finiti, resta soltanto il viaggio vero e proprio, ossia in parole povere il procedimento in seguito al quale esso sfugge al nostro possesso.” (Mishima – Confessioni di una maschera)

“Questo è un altro errore che la gente fa viaggiando: si amministra male e si sottopone a mutilazioni con bagagli inutili e macchine fotografiche inutili. Tutto quel che occorre è una macchina per scrivere portatile, un sacchettino con calzini e biancheria intima, un cavatappi e un temperino.”  (Bukowski – Shakespeare non l’ha mai fatto)

“Il senso della ricerca sta nel cammino fatto e non nella meta; il fine del viaggiare è il viaggiare steso e non l’arrivare.” (Terzani – In Asia)

“Un viaggio in treno può essere una cosa terribile, angosciosa o comica; può essere un volo di prova; può essere la prefigurazione di un altro viaggio, come un giorno passato con un amico può essere lungo, dal senso di fretta che si prova al mattino fino alla scoperta che entrambi si ha fame e al pranzo mangiato insieme. Poi viene il pomeriggio, la giornata sbiadisce e muore ma si ravviva nuovamente verso la fine.” (Fitzgerald – Tenera è la notte)

“Da Delhi basta prendere un treno alla sera e all’alba si arriva in un’altra, solita, scoraggiante e grandiosa India. Verso nord c’è l’Himalaya, a ovest il deserto del Rajastan, ad est ci sono le città della geografia divina, a sud l’India classica della pianura. Vivo nel nuovo centro della città costruito ottant’anni fa e lì il tempo è più o meno quello di questo secolo, coi mercati e i beni di consumo del resto del mondo. Mi basta fare un chilometro, arrivare alla tomba di un grande santo del sufismo, per ritrovarmi in un medioevo di suoni, di odori, di sensazioni. Il viaggio è continuo nello spazio e nel tempo e l’India è sempre lì a raccontarti qualcosa, a darti il senso di essere tu parte di una grande storia dinanzi alla quale non si riesce mai a essere indifferenti. Forse è per questo che, per ora, io vivo qui” (Terzani – In Asia)

“Ero un giovane scrittore e volevo andare lontano. Sapevo che a un certo punto di quel viaggio ci sarebbero state ragazze, visioni, tutto; sapevo che a un certo punto di quel viaggio avrei ricevuto la perla.” (Kerouac – Sulla strada)

“L’inizio del nostro viaggio fu misterioso e spruzzato di pioggia. Si capiva che sarebbe stato un’unica grande saga di nebbia. -Iooouuu!- strillò Dean -si parte!- si chino  sul volante e schiacciò l’acceleratore; era di nuovo nel suo elemento, si vedeva benissimo. Eravamo tutti felici, ci rendevamo conto che ci stavamo lasciando alle spalle confusione e assurdità per compiere l’unica e nobile funzione che avevamo a quel tempo, andare. E come andavamo!” (Kerouac – Sulla strada)

“Cos’è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? – è il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l’addio. Ma intanto ci si proietta in avanti verso una nuova folle avventura sotto il cielo.” (Kerouac – Sulla strada)

“..dovevamo ancora andare lontano. Ma che importava, la strada è la vita.” (Kerouac – Sulla strada)

“Aspettando abbiamo scattato qualche foto e poi ci siamo salutati e siamo saliti, e abbiamo fatto anche i saluti dal finestrino mentre il treno partiva. Se ti importa di qualcuno, questo è uno degli avvenimenti più tristi della vita e degli esseri viventi, e il trucco migliore è fingere di essere annoiati, altrimenti può diventare imbarazzante, e poi il treno non si ferma nè inverte il senso di marcia, non là comunque, e quindi è un pò come morire lentamente, per niente bello, è meglio entrare nello scompartimento e sedersi a cercare carte geografiche e sigarette, a controllare che i bagagli non ci cadano in testa, a vedere se i braccioli si possono piegare in modo da potersi allungare, a controllare il passaporto e la stitichezza, poi pensare a come e quando riuscire a conquistarsi il primo drink.” (Bukowski – Shakespeare non l’ha mai fatto)

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: