Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

I vizi capitali – Tommaso D’Aquino

“Septem sunt principalia vitia, scilicet  inanis gloria, invidia, ira, tristitiaavaritia, ventris ingluvies, luxuria”
(sette sono i principali vizi, cioè la vanagloria, l’invidia, l’ira, la tristezza o accidia, l’avarizia, l’ingordigia del ventre, la lussuria)

“Illa ergo dicuntur capitalia vitia que habent quosdam fines principaliter secundum se appetibiles ut sic ad huiusmodi fines alia vitia ordinentur”
(Dunque si dicono vizi capitali quelli che hanno certi fini appetibili principalmente di per sè, in modo che, così, gli altri vizi si ordinano a tali fini.)

“Ignorantia vero est quedam nescientia, eorum scilicet que homo natus est scire et debet”
(L’ignoranza invece è una certa nescienza di quelle cose che l’uomo può naturalmente sapere e deve sapere)

“Nam nichil aliud est superbire quam superexcedere propriam mensuram in excellentie appetitu”
(infatti insuperbirsi non è niente altro che andare oltre la propria misura nel desiderio di superiorità)

“Ergo superbia est in irascibili”
(Dunque la superbia è nell’irascibile)

“humilitas et sapientia inveniuntur in eodem homine in quantum humilitas ad sapientiam disponit, quia qui humilis est subicit se sapientibus ad addiscendum et non innititur sensui proprio”
(L’umiltà e la sapienza si torvano nel medesimo uomo, in quanto l’umiltà dispone alla sapienza, poichè chi è umile si sottomette ai sapienti per imparare e non si appoggia alla propria opinione)

“Illud quod impedit hominem a fide, per quam acceditur ad Deum, est peccatum. Huiusmodi autem est appetitus humane glorie dicitur enim Io. V”Quomodo potestis credere qui gloriam que est ab invicem accipitis et gloriam que a solo Deo est non queritis”. Ergo inanis gloria est peccatum”
(Ciò che distoglie l’uomo dalla fede, per la quale si aderisce a dio, è peccato. Ma tale è il desiderio della gloria umana; si dice infatti in Giovanni (V,44) Come potete credere, voi che prendete gloria gli uni dagli altri e non cercate la gloria che viene da Dio solo?. Dunque la vanagloria è peccato.)

“Et tunc semper actus humanus qui non refertur in Deum sicut in finem est peccatum mortale.”
(In conclusione, l’atto umano che non si dirige a Dio come fine (ultimo) è sempre peccato mortale.)

“Tertio queritur de filiabus inanis glorie, que sunt inobedientia, iactantia, ypocris, contentio, pertinacia, discordia, novitatum presumptio.”
(La terza questione circa le figlie della vanagloria che sono la disobbedienza, la millanteria, l’ipocrisia, la contesa, la caparbietà, la discordia, la pretesa di novità)

“unde quod aliquis de felicitate alterius tristetur, hoc manifeste repugnat caritati, in quantum per eam diligitur proximus”
(Perciò il fatto che qualcuno si rattristi della felicità altrui manifestamente si oppone alla carità, in quanto per essa amiamo il prossimo)

(Onde questa è la differenza tra chi invidia e chi odia: chi invidia non si rattrista del bene altrui, fuorchè se per questo venga superato o perda la singolarità della propria gloria; chi odia, invece, si rattrista di qualunque bene del nemico.)

(poichè l’invidia è tristezza per la gloria altrui, in quanto è intesa come un certo male, ne consegue che l’uomo per invidia tende a fare disordinatamente alcune cose contro il prossimo; e in base a ciò l’invidia è un vizio capitale)

(non è infatti veramente bene ciò che non è bene sotto tutti gli aspetti)

(Dunque tale tristezza ed esecrazione, o disgusto del bene spirituale e divino, è l’accidia, che è un peccato specifico.)

(Inoltre accade che se qualcuno contro la sua volontà è obbligato a dei beni spirituali che lo rattristano, in primo luogo nutre, invero, uno sdegno contro i superiori o contro quelle persone, quali esse siano, che ve lo obbligano, e questo è il rancore; in secondo luogo, invece, nutre sdegno e odio anche contro gli stessi beni spirituali, e questo propriamente è la malizia)

(L’ira che predomina sulla ragione non è naturale per l’uomo, ma è per lui naturale che l’ira sia al servizio della ragione)

“Se l’ira è desiderio di vendetta in quanto è veramente giusta, allora l’ira sarà buona e virtuosa e si chiama ira per zelo; invece se è desiderio di vendetta, la quale è giusta in apparenza e non veramente giusta, allora l’ira è un peccato.)

“Capitis enim non est capud”
(Ciò che ha un capo infatti non è capo)

(…fissa le sei figlie dell’ira che sono: le risse, la tracotanza, gli insulti, il clamore, l’indignazione, le bestemmie)

(l’avarizia, secondo ciò che risulta dalla prima imposizione del suo nome, significa una disordinata cupidigia di denaro)

(e di questo vizio Gregorio fissa sette figlie che sono il tradimento, la frode, la bugia, lo spergiuro, l’inquietitudine, le violenze e l’indurimento del cuore contro la misericordia)

(prestare denatro a interesse è peccato mortale, e non è peccato perchè è proibito, ma, piuttosto, è proibito perchè è in sè peccato: infatti è contro la giustizia naturale)

(Quando dunque uno presta del denaro a patto che gli sia restituito quel denaro integralmente e in più, per l’uso di quel denaro, vuole avere un certo compenso, è evidente che vende separatamente l’uso del denaro e la stessa sostanza del denaro; ma l’uso del denaro, come è stato detto, non è altro dalla sua sostanza, onde egli vende ciò che non esiste, ossia vende due volte la stessa cosa, cioè lo stesso denaro il cui uso consiste nel suo consumo, e ciò è manifestamente contro l’essenza della giustizia naturale)

(Ora, tra tutte le passioni la cosa più difficile è ordinare il piacere secondo la ragione e soprattutto i piaceri naturali, che sono compagni della nostra vita; e tali sono i piaceri nei cibi e nelle bevande senza i quali la vita umana non si può sostentare; e perciò riguardo a tali piaceri per lo più ci si allontana dalla regola della ragione. Dunque quando la brama di tali piaceri trasgredisce la regola della ragione c’è il peccato della gola, onde si dice che la gola è una brama sregolata di mangiare)

(Onde il primo peccato dell’uomo non fu la gola, ma la disobbedienza o la superbia)

(Dunque la gola è un peccato capitale e le sue figlie sono cinque, come dice Gregorio nel commento morale a giobbe, cioè: la sciocca allegria, la scurrilità, il multiloquio, l’impurità e l’ottusità della mente nell’intendere)

(Tutti i peccati vengono dall’ubriachezza non in quanto loro origine come causa finale, ma in quanto essa costituisce l’eliminazione di ciò che li impedisce, in quanto cioè mette da parte il giudizio della ragione, in virtù del quale l’uomo si trattiene dal peccare)

(Ora il fine dell’uso degli organi genitali è la generazione e l’educazione della prole, e perciò ogni uso dei predetti organi che non è proporzionato alla generazione della prole e alla dovuta sua educazione è in sè disordinato)

(Così, dunque, ogni atto di lussuria è un peccato sia a causa del disordine dell’atto, sia anche a causa del disordine del solo desiderio, disordine che appartiene , in primo luogo e per sè, alla lussuria)

(Le specie della lussuria sono la fornicazione, l’adulterio, l’incesto, lo stupro, il ratto, il vizio contro natura)

(…e così c’è la fornicazione, che è unione sessuale di un uomo libero con una donna libera: questa espressione deriva da fornix, cioè da arco di trionfo, perchè vi si riunivano per spettacoli di tal genere le donne che si prostituivano)

(Ora il piacere sessuale, che è il fine della lussuria, è il più forte tra i piaceri corporei, e perciò la lussuria si deve ritenere un vizio capitale: e sono otto le sue figlie: cioè l’accecamento della mente, irriflessione, incostanza, precipitazione, amore di sè, odio di Dio, attaccamento al mondo presente e disperazione del mondo futuro…)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: