Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie e attraverso lo specchio – Carroll

“Ultimamente erano successe tante di quelle cose strane che Alice aveva cominciato a credere che di impossibile non ci fosse quasi più nulla.”

“Ne mangiò un pezzetto e si disse con ansia -su o giù? su o giù?- tenendosi la mano sulla testa per sentire se cresceva o diminuiva; e restò sorpresissima trovando che rimaneva delle stesse dimensioni. Noi sappiamo che questo è quanto avviene di solito a chi mangia un pasticcino; ma Alice si era già talmente abituata ad aspettarsi solo avvenimenti fuori del comune, che le pareva noioso e banale da parte della vita procedere nel modo consueto.”

“Vorresti dirmi di grazia quale strada prendere per uscire di qui? disse Alice
– dipende soprattutto da dove vuoi andare – disse il gatto.
– non m’importa molto – disse Alice.
– Allora non importa che strada prendi – disse il gatto.
– purchè arrivi in qualche posto – aggiunse Alice a mò di spiegazione.
– Ah per questo stai pure tranquilla – disse il gatto – basta che non ti fermi prima.”

“Infine, si immaginò come questa sua stessa sorellina sarebbe diventata anche lei una donna adulta, nei tempi a venire; e come durante gli anni più maturi avrebbe serbato il cuore semplice e affettuoso della sua infanzia; e come avrebbe riunito intorno a sè altri bambini, e avrebbe fatto a sua volta brillare di desiderio i loro occhi con molti racconti strani, forse persino con il sogno del Paese delle Meraviglie di tanto tempo prima; e come avrebbe diviso tutti i loro semplici dolori e goduto di tutte le loro semplici gioie, nel ricordo della sua fanciullezza, e dei felici giorni d’estate.”

“Io lo so che pensi – disse Tweedledum; – ma non è così, nossignora.
– Se viceversa – continuò Tweedledee – così fosse, potrebbe essere; e se così fosse, sarebbe; ma dato che non è, non si dà. E’ logico.”

“Ma qui ci si sente soli! – disse Alice con voce malinconica; e al pensiero della propria solitudine due lacrimoni le scesero per le guance.
– Oh non fare così! – esclamò la povera Regina, torcendosi le mani dalla disperazione. – Pensa che sei una bambina grande. Pensa a quanta strada hai fatto oggi. Pensa a che ore sono. Pensa a quello che vuoi ma non piangere!
A questo Alice non potè fare a meno di ridere, anche così, in mezzo alle lacrime. – Perchè lei riesce a non piangere pensando a qualcosa -domandò.
– E’ così che si fa – disse la Regina con gran decisione -Nessuno può fare due cose per volta.”

“Perchè te ne stai solo soletto? – disse Alice non volendo iniziare una nuova discussione.
Perchè non c’è nessuno con me – esclamò Humpty Dumpty.”

“In un Paese delle Meraviglie essi giacciono,
Sognando mentre i giorni passano,
Sognando mentre le estati muoiono;
Eternamente scivolando lungo la corrente
indugiando nell’aureo bagliore…
Che cos’è la vita se non un sogno?”

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: