Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

A sud di nessun nord – Bukowski

“Non so come sia, bisogna sperimentarlo per capire, ma dopo che due se le sono date di santa ragione per otto o nove ore si stabilisce tra loro uno strano senso di fratellanza”

“Mi sento un dio. la boxe è arte, inutile negarlo. Ci vuole del fegato per essere un grande artista e ci vuole del fegato per essere un grande pugile”

“Era circa mezzanotte ed ero nel solito stato di confusione. insomma, sapete com’è, niente va bene: le donne, i lavori che ci sono, quelli che non ci sono, il tempo, i cani. Finchè si raggiunge una specie di prostrazione e si sta ad aspettare, come quando si è seduti sulla panchina, alla fermata di un autobus, in attesa della morte.”

“Non m’importava niente della minaccia comunista nè di quella nazista. Volevo ubriacarmi, volevo scopare, volevo fare una buona mangiata, volevo cantare davanti a un boccale di birra in un sudicio bar, fumandomi un sigaro. non avevo coscienza. Ero uno sciocco, uno strumento.”

“La mia mente era in guerra con la vita schifosa che mi era toccata e l’unico modo per calmarmi era bere e bere e bere.”

“finanziariamente parlando era un dato di fatto che te la passavi meglio se avevi la passera invece dell’uccello.”

“Harry si sedette a uno dei vecchi tavoli. il caffè era buono. Aveva tretott’anni ed era un uomo finito. Sorseggiò il caffè e si mise a pensare dove aveva sbagliato e dove ci aveva azzeccato. Si era semplicemente stufato…del mondo delle assicurazioni, degli uffici angusti con gli alti tramezzi di vetro, dei clienti. Si era stufato di tradire sua moglie, di palpare le segretarie nell’ascensore o nei corridoi. Si era stufato delle feste di Natale e di quelle di Capodanno e dei compleanni e delle rate della macchina nuova e di quelle dei mobili, delle bollette della luce, del gas, dell’acqua, di tutto quello stillicidio di necessità che lo dissanguava”

“Sento il dolore che mi si arrampica addosso. E’ come una seconda pelle. Vorrei potermela sfilare come fanno i serpenti.”

“Quello che rifiutavo della guerra non era il fatto che avrei dovuto uccidere qualcuno o essere ucciso senza ragione. La cosa mi sembrava irrilevante. Quello che non potevo sopportare era l’idea di essere privato del diritto di starmene in una stanzetta a digiunare, a bere vino da quattro soldi, a uscire di testa a modo mio quando mi andava.
Non volevo essere svegliato da una tromba, non volevo dormire in una caserma con un branco di sani, rosei, cordiali, terrorizzati bomboloni americani, fissati con il sesso, pazzi per il football, sovralimentati, fatti di marjuana, sempre pronti a sparare cazzate, scorreggioni e mediocri. Ragazzi con cui avrei dovuto fare amicizia, con cui mi sarei dovuto sbronzare durante le ore di uscita, con cui avrei dovuto starmene sdraiato ad ascoltare un mucchio di barzellette sporche, trite e poco divertenti. Non volevo avere niente a che fare con le loro lenzuola ruvide, le loro uniformi che prudevano, la loro umanità scadente. Non volevo cacare nello stesso posto o pisciare nello stesso posto o scoparmi la stessa puttana. Non volevo vedere le loro unghie dei piedi o leggere le lettere che ricevevano da casa. Non volevo dover guardare i loro culi che mi ballonzolavano davanti a ranghi serrati, non volevo farmi degli amici, non volevo farmi dei nemici, non sapevo cosa farmene di loro nè di tutta la faccenda. Uccidere o crepare era secondario.”

“L’assicurazione contro la disoccupazione scadeva ed eccoci là come topi, topi che non avevano un posto dove nascondersi, topi con l’affitto da pagare, pance vuote che avevano fame, cazzi che diventavano duri, l’umore sotto i tacchi, senza educazione e senza un mestiere. Una bella merda, come si suol dire, ma questa è l’America. Ci accontentavamo di poco, ma quel poco non riuscivamo ad averlo. Una bella merda.”

“Il sollievo più grande è quello di non dover più incontarre altri esseri umani sul marciapiede, di non essere più costretto a guardarli camminare grassi e corpacciuti, con i loro occhietti da topo, le loro facce crudeli, la loro animalesca robustezza. Che sogno: non dover più guardare in faccia un altro essere umano.”

“non si può soffrire più di quello che ha deciso la natura.”

“Sedetti sul tappeto e sentii la luce elttrica, i beveraggi che passavano attraverso il mio corpo come una parata, come un brano di blues, come un attacco di pazzia.”

“Quando la mente mi si schiarì eranop le quattro del mattino. Tutte le luci erano accese e la gente era scomparsa. io stavo ancora seduto lì. Trovai una birra tiepida e me la bevvi. Poi andai a letto con la sensazione che tutti gli ubriaconi conoscono bene: mi ero comportato da stupido ma chi se ne frega.”

“Tirò via il catetere. Fuori dalla finestra la mia croce blu e rossa girava, girava. Cristo appeso al muro con un pezzo di palma secca ai piedi. Non c’era da meravigliarsi che gli uomini si rivolgessero agli dei. Era molto duro affrontare le cose direttamente, da soli.”

“Era così l’ospedale e allora non sapevo che vent’anni dopo ci sarei tornato, sempre nel reparto dei poveri. ospedali e garage e puttane: ecco le università della vita. Ho preso diverse lauree. Chiamatemi dottore…”

“L’ambulanza oscillava, sussultava. mi sforzai il più possibile di trattenere il sangue perchè non volevo diffondere il puzzo dappertutto. Oh, disse una donna nera, non riesco a crederci che stia capitando a me, non riesco a crederci. Oh, Dio, aiutami!
Dio è molto popolare in questo genere di posti.”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: