Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Vincitori E Vinti – Vespa

“Il pericolo per una democrazia può derivare non tanto dalla forza dei suoi oppositori quanto dalla debolezza dei suoi sostenitori” (Radbruch)

“E’ facile oggi immaginare un Giovanni Paolo II o un Benedetto XVI presentarsi alla stazione Tiburbina di Roma e mettersi in testa al convoglio per impedire la partenza del treno piombato con il carico dei mille ebrei in viaggio verso la morte. Ma la storia va giudicata nel momento in cui fu scritta, e gli oltre sessant’anni che ci separano da allora non sono trascorsi invano”

“L’ostilità nei confronti di questo pontefice (Pio XII) non nasce perchè egli sia stato debole nei confronti del nazismo,ma perchè è stato forte nei confronti del comunismo” (Andreotti)

“Con quanta superficialità noi occidentali, fin dopo la caduta del muro, abbiamo considerato uno stesso popolo i sudditi dello sterminato impero sovietico? Quanto odio, quanto sangue li ha invece divisi? Mi torna alla mente la bellissima cameriera incontrata nell’ascensore di un grande albergo.<Russa?> le chiesi. <Ucraina> mi rispose, trafiggendomi con uno sguardo carico d’orgoglio”

“La nostra posizione di principio rispetto agli eserciti che hanno invaso l’Unione Sovietica è stata definita da Stalin e non vi è più niente da dire. Non ci trovo assolutamente niente da dire se un buon numero di prigionieri morirà…il fatto che per migliaia e migliaia di famiglie la guerra di Mussolini, e soprattutto la spedizione contro la Russia si concludano con una tragedia, con un lutto personale, è il più efficace degli antidoti” (Togliatti)

“La paura dei vivi, nell’immediato dopoguerra, fece dimenticare le sofferenze dei morti”

“I partigiani risalirono a 80.000 nel marzo 1945, alla vigilia del crollo nazifascista; erano 130.000 all’immediata vigilia dell’insurrezione e 250.000 all’indomani della Liberazione. Come sempre nella loro storia gli italiani furono pronti a salire sul carro del vincitore. Quanti, d’altra parte, dopo la marcia su Roma del 22 avevano brigato per ottenere un certificato di fascista antemarcia?”

“Caro Presidente, grazie del pensiero, ma questa medaglia al valor partigiano non la vogliamo perchè è bugiarda. Purtroppo, Presidente (Pertini), la storia Le è stata raccontata alla rovescia: i nostri poveri morti non erano partigiani, ma gente tranquilla che badava ai fatti propri, Anzi, se ha fatto quella fine orrenda è stato perchè un gruppo di partigiani ha sparato nel mucchio dei tedeschi in fuga scatenando una feroce rappresaglia. La guerra era finita da cinque giorni e di gesti eroici, caro Presidente, non ce n’era più bisogno” (Lettera a Pertini)

“Gli italiani, come troppe altre volte, scambiano per storico l’effimero. Gli italiani ammazzano Claretta, e non si accorgono che l’ala della storia batte sulle Alpi Giulie”

“Si dice spesso – e a ragione – che dobbiamo accogliere fraternamente gli immigrati ricordando quel che hanno sofferto i nostri connazionali sbarcati nella prima metà del secolo scorso negli Stati Uniti. Essi sono arrivati a New York senza conoscere una sola parola d’inglese, ma hanno cercato d’integrarsi fin da quando hanno messo piede sulla banchina del porto. Non hanno avuto tempo di andare a scuola, ma vi hanno mandato i loro figli. Hanno continuato a parlare italiano in famiglia, ma hanno preteso che i loro ragazzi imparassero l’inglese. Alcuni di loro hanno esportato in America la mafia, ma la maggior parte ha contribuito a rendere grande quel grande paese. Oggi la comunità italoamericana è rispettata, e i candidati alla presidenza degli Stati Uniti sono molto attenti ad assicurarsene i consensi.
Che cosa fanno invece molti immigrati islamici in Italia? Cercano di non farsi contaminare. Non vogliono che i loro figli crescano con i nostri figli, che assimilino più dello stretto indispensabile per la nostra lingua, la nostra cultura e le nostre abitudini”

“Tutte le culture sono rispettabili fino a quando i sostenitori di una di esse non tentano di sopraffare i sostenitori delle altre”

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: