Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

L’arte Della Guerra Romana (epitoma Rei Militaris) – Vegezio

“Constatiamo infatti che per mezzo di nessun’altra cosa il popolo romano ha conquistato il mondo se non con l’esercizio delle armi, con la disciplina del campo e con l’esperienza militare. In che modo infatti pochi Romani avrebbero potuto vincere contro l’orda dei Galli? Cosa avrebbero mai potuto osare con la loro piccola statura contro gli alti Germani? Si sa bene inoltre come gli Ispani fossero superiori ai nostri non solo per numero ma anche per forza fisica; siamo sempre stati inferiori alle astuzie e alle ricchezze degli Africani; e nessuno ha mai messo in dubbio la superiorità dei Greci su di noi nelle arti e nella saggezza”

“Infatti negli scontri bellici un piccolo numero di soldati, se bene esercitati, è più adatto a vincere, mentre un grande gruppo di uomini rozzi e non addestrati è sempre esposto alla disfatta”

“Sono infatti portato a credere che teme meno la morte chi ha conosciuto meno piaceri in vita”

“E’ infatti meglio che un giovane, dopo che si sia addestrato, obietti che non è ancora giunta l’età piuttosto che rimpianga il fatto che essa sia già trascorsa”

“Nobili natalia rendono un soldato maturo, l’attaccamento all’onore, proibendogli di fuggire, lo rende vincitore”

“In omni enim conflictu non tam prodest multido quam virtus”

“Non sono di certo lo splendore delle vesti o la ricchezza d’oro, argento e pietre preziose a piegare i nemici alla reverenza o alla benevolenza verso di noi, ma essi si sottomettono unicamente per il terrore delle armi”

“Nihil enim est, quod non assidua meditatio facillimum reddat”
(Non vi è nulla infatti che un costante esercizio non riesca a rendere facilissimo”

“Saggia è l’antica considerazione secondo la quale tutte le arti hanno il loro fondamento nell’esercizio”

“Securum iter agitur quod agendum hostes minime suspicantur”
(La via più sicura da percorrere è quella che i nemici non sospettano nemmeno che la percorrerai)

“quia adversis rebus rarior fides est”
(poichè nella sventura è molto raro mantenersi fedeli)

“L’unica salvezza per i vinti è non sperare in nessuna salvezza”

“L’animo umano nel momento del successo insuperbisce perdendo la modestia e la cautela”

“in ogni conflitto i termini della spedizione sono tali che ciò che giova a te è di danno al nemico, ciò che è utile per lui sempre nuoce a te”

“Exercitus labore proficit, otio consenescit”
(Un esercito si rafforza nella fatica, si indebolisce nell’ozio)

“Le azioni di sorpresa atteriscono ilnemico, quelle consuete perdono ogni valore”

“Discuti con molti ciò che si deve fare, ma ciò che farai, discutilo con pochissime e fedelissime persone, se non addirittura solo con te stesso”

“Grazie alla fondazione delle città ai primordi della storia la vita dell’uomo, rozza e non civilizzata, smise di condividere l’esistenza con gli animali privi di parola e selvatici”

“Nessuno, infatti, osa sfidare in battaglia o recare un’offesa a quel regno e a quel popolo che sa essere armato e pronto a resistere ea vendicarsi di ogni attacco”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: