Frasiarzianti's Blog

Le frasi più belle tratte dai libri letti

Lettere Morali A Lucilio – Seneca (l Parte)

“bada: la maggior parte della vita se ne va mentre operiamo malamente, una porzione notevole mentre non facciamo nulla, tutta quanta la vita mentre siamo occupati in cose che non ci riguardano”

“il primo indizio di una mente equilibrata penso che sia il saper trovare un punto fermo e restare in compagnia di se stessi. Stà bene attento, però, che codesto tuo leggere molti autori e volumi d’ogni genere non sia qualcosa di vacillante e inconsistente. E’ opportuno indugiare su pensatori ben selezionati e assimilarli, se intendi ricavarne elementi utili che si mantengano facilmente nel tuo animo. non è in alcun luogo chi si trova dappertutto”

“leggi sempre libri di provata autorevolezza e se talvolta ti è venuta voglia di passare ad altri per distrarti, torna poi a quelli di prima”

“Non chi ha poco, ma chi desidera di più è povero”

“Mi chiedi quali siano i limiti delle ricchezze? Ecco il primo: avere l’indispensabile, ed ecco il successivo: avere ciò che è sufficiente”

“se giudichi amico qualcuno di cui non ti fidi come di te stesso, sbagli tremendamente e non hai l’esatta nozione del valore di un’amicizia autentica”

“Credendo nella sua fedeltà, lo renderai fedele”

“Prosegui con tenacia come hai cominciato e affrettati quanto puoi perchè tu possa godere più a lungo di un animo sgombro da errori e bene ordinato”

“Nessun male che sopraggiunge per ultimo è davvero grande. Ti si appressa la morte: dovresti temerla se potesse restare con te. A questo punto una delle due: o non ti colpisce o ti sfiora e passa oltre”

“Rifletti ogni giorno sulla possibilità di lasciare serenamente la vita”

“La maggior parte degli esseri umani oscilla miserevolmente tra la paura della morte e i crucci della vita: non sa vivere, non vuole morire. Renditi dunque serena la vita lasciando da parte ogni angoscia. Non c’è ricchezza che giovi a chi la possiede se l’animo non è preparato a perderla; nessuna perdita, poi, è più agevole di ciò che, una volta perduto, non può lasciar alcun vuoto”

“Ciò che basta è a portata di mano; chi vive in armonia con la povertà è ricco”

“Comportiamoci in modo da seguire una linea di vita migliore di quella della gente comune, ma non in netto contrasto, altrimenti cacceremmo e distoglieremmo da noi quelli che vogliamo correggere”

“Chi entra nella nostra casa ammiri noi piuttosto che l’arredamento”

“La speranza tiene al suo seguito la paura”

“E’ opportuno sottrarre alla folla un animo debole e non certo saldamente legato alla rettitudine: si passa con facilità al partito dei più”

“Per chi allora ho imparato? Non temere di aver faticato invano se hai imparato per te stesso”

“Certo, molti ti lodano, ma quale motivo hai per essere soddisfatto di te stesso, se sei fatto in modo che la folla è in grado di comprenderti? I tuoi lati positivi mirino soltanto ad un’approvazione interiore”

“Ti rivelerò un filtro d’amore senza droghe, senza erbe, senza alcuna formula di fattucchiera: se vuoi essere amato, ama!”

“Toglie all’amicizia ogni suo prestigio chi se la procura per le occasioni propizie”

“Sappi che sarai libero dalle passioni quando giungerai al punto di chiedere alla divinità soltanto quello che puoi chiedere in presenza di tutti”

“Vivi con gli uomini come se ti vedesse la divinità, parla con la divinità come se ti udissero gli uomini”

“Non c’è infatti saggezza che possa eliminare naturali debolezze fisiche: tutto ciò che è insito e connaturato in noi viene bensì attenuato dall’educazione, ma non certo superato”

“Ciò che ogni piacere ha in sè di più dolce, lo riserva alla fine”

“Nessuno poi è così vecchio da esagerare se spera almeno in un altro giorno di vita”

“Compiutamente felice e tranquillo possessore di se stesso è quell’uomo che attende senza angoscia il giorno dopo. Chiunque ha detto:<<Ho vissuto>>, si alza ogni giorno per raccogliere un guadagno.”

“Non imprimerà grande slancio alla gara un atleta che non abbia mai subìto un livido; quello, invece, che ha visto il proprio sangue, sentito i denti scricchiolare sotto i pugni e, steso a terra per uno sgambetto, ha sostenuto tutto il peso dell’avversario né, una volta abbattuto, ha consentito al proprio animo di abbattersi, l’atleta che dopo ogni caduta si è alzato più baldanzoso, questo sì che si presenta con grande speranza al combattimento”

“Le circostanze che ci spaventano sono, o lucilio, più numerose di quelle che ci opprimono e soffriamo più spesso per la nostra immaginazione che per la realtà concreta”

“Ma anche se il male dovrà sopraggiungere, a che serve correre incontro al dolore? Fin troppo presto dovrai affliggerti, quando sarà venuto; intanto prefigurati eventi migliori”

“Anche la cattiva sorte è volubile: forse ci sarà, forse non ci sarà, per il momento non c’è. Mettiti davanti agli occhi un avvenire migliore”

“Dobbiamo comportarci non come se dovessimo vivere in funzione del corpo, ma nell’idea che non possiamo vivere senza il corpo”

“Ogni tanto una nave affonda nel porto: che cosa credi che succeda in mezzo al mare”

“Se c’è qualcosa che ti frena liberati dai tuoi lacci o recidili”

“Occorre una forza morale molto più grande rispeto a quella degli altri per mantenersi a bocca asciutta e sobri in mezzo a gente che si ubriaca e vomita, ma è segno di maggiore temperanza non isolarsi completamente né distinguersi ad ogni costo, non mescolarsi alla massa e fare le medesime cose sia pure non allo stesso modo: nulla vieta di celebrare senza eccessi un giorno di festa”

“L’ira smodata genera pazzia”

“L’ira dev’essere evitata non per senso di misura ma per sanità mentale”

“Comportati in modo che il tuo vivere in disparte, pur senza richiamare l’attenzione di tutti, sia però evidente”

“Quale diciamo che sia la concatenazione delle cause, di cui è intessuto il destino, tale è la catena dei nostri desideri: l’uno nasce dalla fine dell’altro”

“Bisogna che tu consideri con la massima attenzione con chi mangi e bevi prima di mangiare e bere qualcosa: infatti dilaniare carni senza la compagnia di un amico è vita da leone e da lupo”

“Debito leggero fa un debitore, debito pesante un nemico”

“Questa è la suprema funzione della saggezza e il suo carattere distintivo: mettere in armonia le parole con le opere, far sì che in ogni circostanza l’uomo sia coerente e identico a sè stesso”

“Adotta una volta per tutte una regola di comportamento e a questa conforma ogni tua espressione di vita”

“Gli uomini dunque non sanno ciò che vogliono se non nel momento in cui lo vogliono: a nessuno fu mai imposto di volere o non volere in senso assoluto”

“Ciò che non puoi imparare elargendo i tuoi benefici, lo apprenderai grazie alla povertà: questa ti conserverà amici autentici e sicuri; se ne andranno invece tutti quelli che non seguivano te, ma tutt’altra cosa”

“Nessuno nasce ricco: chiunque viene alla luce è tenuto ad accontentarsi di latte e di un quadratuccio di tela: questi sono gli inizi, poi neppure interi regni bastano a contenerci”

“L’abisso profondo del tempo ci sommergerà; pochi, rari ingegni solleveranno il capo e pur destinati a scomparire nel silenzio, quando che sia, si opporranno ostinatamente all’oblìo e manterranno a lungo il loro prestigio”

“Se vuoi arricchire Pitocle non devi aggiungere niente al suo patrimonio, ma togliere qualcosa alla sua cupidigia”

“Nessuno è così pauroso da preferire lo stare sempre sospeso al cadere una volta per tutte”

“E’ giunto al punto più alto chi conosce perfettamente ciò che dovrebbe recargli gioia, chi non ha affidato la propria felicità al potere altrui”

“Impara ad essere lieto”

“E’ indispensabile stabilire ciò che vogliamo e perseverare nella nostra scelta”

“Se vuoi toglierti di dosso ogni angoscia, dà per scontato che tutto ciò che temi avverrà comunque, e quale che sia quel male, misuralo nel tuo animo e soppesa le tue paure; ti renderai certamente conto che quanto tu temi non ha grande importanza nè può durare a lungo”

“Vedi quanto il valore sia più pronto ad affrontare per primo le prove più dure che non la crudeltà a imporle”

“Sei (il dolore) leggero se ti posso tollerare, se invece non lo posso sei breve”

“Per quanto tempo ancora le stesse cose? Dunque mi sveglierò, dormirò, avrò fame, sentirò freddo, sentirò caldo. Nulla volge al termine ma tutti gli elementi della realtà sono connessi tra loro in un ciclo, fuggono e si susseguono. Il giorno è incalzato dalla notte, la notte dal giorno, l’estate sfocia nell’autunno, l’autunno è rincorso dall’inverno, che, a sua volta, è sopraffatto dalla primavera. Così tutto passa e ritorna. Non faccio nulla di nuovo, nulla di nuovo io vedo. Talvolta si prova nausea anche di questo”

“egli arrossisce ancora se fa qualcosa di male: è quanto mai opportuno alimentare questo senso di vergogna”

“…tu agisca, qualunque cosa farai, come se qualcun’altro ti osservasse. Ogni male ci è suggerito dalla solitudine”

“Allora specialmente ritirati in te stesso, quando non puoi fare a meno di stare in mezzo alla gente”

“Una sola è la catena che ci tiene avvinti: l’amore per la vita”

“Come i misfatti, anche se non sono stati colti nell’atto di essere compiuti, lasciano dietro di sè un’onda di ansietà, così dei piacere sregolati rimane una nota di pentimento dopo che sono svaniti”

“Più che la meta del tuo viaggio, importa lo spirito con cui l’hai raggiunta, e pertanto non dobbiamo subordinare il nostro animo ad alcun luogo”

“Non sono nato per un solo cantuccio di terra, la mia patria è l’universo intero”

“Il saggio preferirà essere in pace piuttosto che in battaglia”

“Che importa quanto sono i padroni. La schiavitù è una sola: chi ha saputo disprezzarla è libero, per quanto grande sia lo stuolo dei tiranni”

“Chi non sa di sbagliare, non vuole neppure correggersi”

“Non ho mai voluto susciatare le simpatie del volgo, perchè ciò che io so il volgo non lo approva e ciò che il volgo approva io lo ignoro”

“Importa di più quale concetto hai di te stesso che non l’opinione altrui sul tuo conto”

“Come in una nave che fa acqua si può rimediare a una falla, a due, ma quando lo scafo comincia a scompaginarsi e a cedere in molti, troppi punti, non è più possibile portare soccorso all’imbarcazione, così in un corpo senile la debolezza può entro certi limiti essere sostenuta e puntellata; avviene prorpio come in un edificio fatiscente, dove ogni commessura si allenta e mentre se ne tiene insieme una, un’altra si sfascia: allora non rimane altro da fare se non ponderare accuratamente in che modo si possa uscirne”

“Non ha accettato di vivere chi non vuole morire, proprio perchè la vita ci è stata data con la riserva della morte”

“Non temiamo la morte ma il pensiero della morte”

“porta a termine soltanto ciò che hai intrapreso e metti in atto quei piani che racchiudevi nel tuo animo”

“Causa e sicurezza di vita felice è avere fiducia in se stessi”

“la fatica è alimento di animi eletti”

“Il bene è tale quando gli è associata la virtù, e il male è male quando gli è congiunto il vizio”

“Che cos’è dunque il bene? La conoscenza! E il male? L’ignoranza. Chi sa vedere lontano ed è veramente esperto di saggezza, respingerà o sceglierà ciascuna cosa a seconda delle circostanze, ma non teme ciò che rifiuta nè si esalta per quello che sceglie, purchè abbia un animo grande e indomabile”

“Neppure la bellezza e la forza ti possono rendere felice: nessuna di queste doti tollera l’usura del tempo. Bisogna cercare ciò che non peggiora di giorno in giorno e a cui non si possono frapporre ostacoli: l’animo, un animo retto, buono, grande.”

“Si può salire fino in cielo anche da un’umilissima dimora”

“Non è oggetto di ammirazione un solo albero se l’intera selva si è protesa alla stessa altezza”

“Non è bella una donna di cui si loda una gamba o un braccio, ma quella il cui aspetto complessivo rende vana l’ammirazione delle singole parti”

“Ricordare significa serbare qualche cosa che è stata affidata alla memoria; sapere, invece, vuol dire interiorizzare ogni acquisizione senza dipendere da un paradigma e ricorrere ogni volta a un maestro”

“Se l’albero portato a sviluppo sino a dar frutti allieta l’agricoltore, se il pastore trae un motivo di piacere dalla prolificità del suo gregge, se nessuno guarda con occhio diverso il rampollo che egli ha allevato se non per considerare la sua crescita come un bene che gli appartiene, che cosa penso possano mai provare quanti hanno educato la personalità di un uomo e, dopo averla formata quando era ancora tenera, la vedono d’un tratto matura?”

“Chi è amico, ama. Chi ama, non è detto che sia in ogni caso un amico; pertanto l’amicizia è sempre vantaggiosa; l’amore qualche volta nuoce”

“il cambiamento di volontà riflette un animo fluttuante che si mostra ora in un luogo ora in un altro a seconda della spinta del vento. Non si sposta qua e là ciò che è fisso e ben fondato”

“Osserva il ciclo delle cose che tornano al loro stato originario: vedrai che in questo universo nulla si estingue, ma alternativamente declina e risorge”

“Nè gli infanti, nè i fanciulli nè i mentecatti temono la morte; è dunque un’autentica vergogna, se la ragione non ci assicura quella tranquillità alla quale ci conduce la mancanza di raziocinio”

“Non puoi sfuggire a eventi inevitabili, puoi però prenderne il sopravvento”

“Chi dà un garante è uno sconosciuto”

“Un animo nobile racchiude in sè questa dote eccellente: lo slancio verso uno stile elevato di vita”

“E’ proprio di un animo grande disprezzare le umane grandezze e preferire il giusto mezzo agli eccessi”

“Non c’è più spazio per i rimedi quando i vizi di un tempo sono ormai consuetudine”

“Si fissano più facilmente nell’animo le parole che si fanno attendere che non quelle che trapassano volando”

“Come il passo di coloro che corrono per un pendìo non si ferma nel punto stabilito, ma soggiace al peso accelerato del corpo e viene portato più lontano di quanto essi abbiano voluto, così codesta rapidità di eloquio non riesce a controllare se stessa nè è decorosa per la filosofia, che deve posare le parole, non lanciarle, e deve procedere passo dopo passo”

“L’oratoria romana è più circospetta, soppesa le situazioni e si presta a essere soppesata”

“Nessuno deve gloriarsi se non delle proprie qualità”

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Lettere Morali A Lucilio – Seneca (l Parte)

  1. Pingback: Lettere Morali A Lucilio – Seneca (l Parte) | je91ilmioangolodimondo's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: